Il tuo browser non supporta javascript. Per una corretta visualizzazione del sito ti preghiamo di abilitare javascript
Il Post Soldionline.it : Informazione finanziaria indipendente
 
 
SaperInvestire  
 
 
   
GLI ARGOMENTI
Vai all'argomento Commenti e analisi Commenti e analisi
Vai all'argomento Modi di vedere Modi di vedere
Vai all'argomento Spiegare e prevedere Spiegare e prevedere
Vai all'argomento I mercati finanziari I mercati finanziari
Vai all'argomento La direttiva MIFID La direttiva MIFID
Vai all'argomento Lo sportello bancario Lo sportello bancario
Vai all'argomento Finanza&Complessità Finanza&Complessità
Vai all'argomento Finanza scientifica Finanza scientifica
Vai all'argomento Relazioni internazionali Relazioni internazionali
Vai all'argomento Fondi pensione Fondi pensione
Vai all'argomento Tecniche e tattiche Tecniche e tattiche
Vai all'argomento Psicologia e finanza Psicologia e finanza
Vai all'argomento I grandi investitori I grandi investitori
Vai all'argomento Le biografie Le biografie
Vai all'argomento La libreria di SaperInvestire La libreria di SaperInvestire
Vai all'argomento Il potere di scrivere Il potere di scrivere
Vai all'argomento La comunità La comunità




Stampa articolo Stampa Invia ad un amico Invia ad un amico Scarica in PDF Scarica in PDF
Le deleghe di voto
I mercati finanziari
di Daniele Tortoriello
 
Ricordate il tentativo di Grillo, non andato a buon fine, di farsi rilasciare da altri azionisti la delega per rappresentarli durante l’assemblea ordinaria di Telecom? È possibile effettuare queste operazioni ma si devono seguire delle precise regole

Il Testo unico della finanza disciplina il modo in cui, nelle società quotate, possa essere espresso il voto in assemblea attraverso la delega data a un altro socio, in deroga alle disposizioni del codice civile. La materia è quanto mai delicata in quanto un socio, attraverso la raccolta di molte deleghe, potrebbe assumere un certo peso in termini di diritto di voto che può esprimere.

In termini più rigorosi si definiscono:

  • delega di voto: il conferimento della rappresentanza per l’esercizio del voto nelle assemblee;
  • sollecitazione: la richiesta di conferimento di deleghe di voto rivolta alla generalità degli azionisti;
  • committente: il soggetto o i soggetti che congiuntamente promuovono la sollecitazione: richiedendo l’adesione a specifiche proposte di voto;
  • intermediario: il soggetto che effettua la sollecitazione per conto del committente;
  • raccolta di deleghe: la richiesta di conferimento di deleghe di voto effettuata dalle associazioni di azionisti esclusivamente nei confronti dei propri associati.

Alle deleghe di voto conferite in conformità alle disposizione di legge non si applicano le clausole statutarie che limitano in qualsiasi modo la rappresentanza nelle assemblee mentre lo statuto può prevedere disposizioni dirette a facilitare la raccolta delle deleghe di voto presso gli azionisti dipendenti.

La sollecitazione è effettuata dall’intermediario, su incarico del committente, mediante la diffusione di un prospetto e di un modulo di delega. Il voto relativo alle azioni per le quali è stata rilasciata la delega è esercitato dal committente o, su incarico di questo, dall’intermediario che ha effettuato la sollecitazione.

Il committente deve possedere azioni che gli consentano l’esercizio del diritto di voto nell’assemblea per la quale è richiesta la delega in misura almeno pari all’uno per cento del capitale sociale rappresentato da azioni con diritto di voto nella stessa, tuttavia la Consob, in caso di società a elevata capitalizzazione e ad azionariato particolarmente diffuso, stabilisce percentuali di capitale inferiori.

La sollecitazione è riservata alle imprese di investimento, alle banche, alle società di gestione del risparmio, alle società di investimento a capitale variabile e alle società di capitali aventi per oggetto esclusivo l’attività di sollecitazione e la rappresentanza di soci in assemblea.

La raccolta di deleghe è consentita alle associazioni di azionisti che sono costituite con scrittura privata autenticata, non esercitano attività di impresa, salvo quelle direttamente strumentali al raggiungimento dello scopo associativo e sono composte da almeno cinquanta persone fisiche ciascuna delle quali è proprietaria di un quantitativo di azioni non superiore allo 0,1 per cento del capitale sociale rappresentato da azioni con diritto di voto. La raccolta di deleghe è esercitata mediante la diffusione del modulo di delega e la delega è rilasciata ai legali rappresentanti dell’associazione. L’associazione vota, anche in modo divergente, in conformità delle indicazioni espresse da ciascun associato nel modulo di delega. L’associato non è tenuto a conferire la delega.

La delega di voto è sottoscritta dal delegante, è revocabile e può essere conferita soltanto per singole assemblee già convocate, con effetto per le eventuali convocazioni successive; essa non può essere rilasciata in bianco e indica la data, il nome del delegato e le istruzioni di voto. La delega può essere conferita anche solo per alcune delle proposte di voto indicate nel modulo di delega. Le azioni per le quali è stata conferita la delega, anche parziale, sono computate ai fini della regolare costituzione dell’assemblea.

Le informazioni contenute nel prospetto o nel modulo di delega e quelle eventualmente diffuse nel corso della sollecitazione o della raccolta di deleghe devono essere idonee a consentire all’azionista di assumere una decisione consapevole; dell’idoneità rispondono il committente e i rappresentanti delle associazioni di azionisti. L’intermediario è responsabile della completezza delle informazioni diffuse nel corso della sollecitazione.


Daniele Tortoriello
danitorto@hotmail.com
Profilo 


Le informazioni contenute in questo scritto di Saperinvestire.it si basano su fonti ritenute attendibili, non ne possiamo tuttavia garantire l'assoluta esattezza o veridicità. Le opinioni espresse in questo scritto possono essere modificate senza preavviso. Questo scritto è redatto al solo scopo informativo e non costituisce sollecitazione al pubblico risparmio. Chiunque ne faccia uso diverso da quello per cui è stato pensato se ne assume la piena responsabilità.

Scrivi commento
Nome:
Titolo:
Commento:



Stampa articolo Stampa Invia ad un amico Invia ad un amico Scarica in PDF Scarica in PDF

















 

 


ARTICOLI CORRELATI
I patti parasociali
Le modalità di comunicazione del patto parasociale
 
 
 
Chi siamo Chi siamo Il progetto Il progetto Contattaci Contattaci Collabora con noi Collabora con noi Accessibilità Accessibilità